Per l'archiviazione del procedimento contro l'agitazione del 2004 degli operai di Melfi

"Mi auguro che il procedimento aperto sulle lotte del 2004 alla Fiat di Melfi sia frutto solo dell'obbligatorietà dell'azione penale a cui è soggetta la procura di Melfi e che si arrivi rapidamente alla sua archiviazione.

Se così non fosse ci troveremmo di fronte a un fatto molto grave e senza precedenti, se non in anni lontanissimi segnati nella gestione del conflitto sociale da un forte spirito antioperaio.

Certo è che suscitano a dir poco perplessità gli atteggiamenti che è possibile riscontrare tra i magistrati del tribunale di Melfi allorquando ci si trova di fronte a conflitti di lavoro che riguardano la Fiat. Non deve sfuggire, infatti che proprio nei giorni in cui veniva aperto il procedimento sulla lotta dei 21 giorni veniva negato a Tonino Innocenti dopo una lunga attesa il reintegro nel suo posto di lavoro.

In Fiat a Melfi, anche al fine di creare un clima favorevole alla sforzo produttivo in cui l'azienda è impegnata in questa fase è necessario consolidare un sistema di relazioni industriali diverso dal passato e che può essere solo frutto della vittoria operaia del 2004. E' del tutto evidente che queste iniziative della magistratura non aiutano ad andare in questa direzione.

25 luglio 2006

   
 
         
Copyright © Piero Di Siena.net 2005 | best view 800x600 | webmaster | Aggiungi il sito ai tuoi Preferiti | contatt@mi | credits
Melfi l'Unità il manifesto liberazione emergency.it critica marxista