Elettrodotto, dichiarazione su sospensione decreto

"L’incontro con il governo sull’elettrodotto Matera-Santa Sofia si è chiuso con un risultato positivo. La sospensione del decreto e la definizione di un percorso molto preciso degli strumenti per la progettazione della "grande variante" costituiscono la premessa di una soluzione definitiva al lungo contrasto suscitato dalle legittime proteste dei cittadini di Rapolla contro scelte apertamente lesive della salute e dell’ambiente.

Ora tutti - dal governo, alla Regione e alle istituzioni locali - debbono matenere gli impegni presi. Da questo momento si deve aprire una fase in cui le tappe che dovranno portare alla realizzazione della "grande variante" debbono essere perseguite con determinazione e efficienza. Non si sarebbe arrivati a questo risultato senza l’azione dell’amministrazione di Rapolla, il voto unanime del consiglio regionale di Basilicata, la solidarietà tra i sindaci della zona, e senza l’impegno della Provincia di Potenza e della Comunità montana.

Ha avuto il suo peso anche l’azione convergente dell’intera delegazione parlamentare lucana. Ma decisive, come è avvenuto a Scanzano, sono state la mobilitazione popolare delle scorse settimane, la imponente manifestazione contemporanea all’incontro con il governo e la preziosa azione svolta da Cgil, Cisl e Uil".

11.03.2004

   
 
         
Copyright © Piero Di Siena.net 2005 | best view 800x600 | webmaster | Aggiungi il sito ai tuoi Preferiti | contatt@mi | credits
Melfi l'Unità il manifesto liberazione emergency.it critica marxista