Sulla scomparsa di Rocco Mazzarone.

"Con Rocco Mazzarone scompare uno degli ultimi rappresentanti di quella felice stagione, collocata tra gli anni Cinquanta e Sessanta nella quale dalla Basilicata giunse un contributo rilevantissimo a quel processo di rinnovamento del meridionalismo costruito attraverso un originale e fecondo rapporto tra l’elaborazione del pensiero classico di Fortunato, Nitti e Ciccotti e le tendenze più moderne dell’economia e della sociologia anglosassoni. Il giovanile sodalizio con Rocco Scotellaro interrotto solo dalla precoce morte del giovane sindaco di Tricarico e allievo preferito di Manlio Rossi Doria, e il rapporto con Levi, hanno fatto di Mazzarone l’ideale continuatore di quella esperienza.

E’ un ruolo che egli ha ricoperto in tutti questi lunghissimi anni con la
sobrietà e il rigore un po’ schivi che costituiscono il tratto caratteristico dei grandi uomini della nostra terra"

28.12.2005

   
 
         
Copyright © Piero Di Siena.net 2005 | best view 800x600 | webmaster | Aggiungi il sito ai tuoi Preferiti | contatt@mi | credits
Melfi l'Unità il manifesto liberazione emergency.it critica marxista