Medio Oriente, attenzione all'aggravarsi della crisi.

"Penso che ognuno debba e possa aderire alla manifestazione che preferisce per manifestare la propria indignazione contro le insensate espressioni del presidente iraniano sulla cancellazione di Israele. Personalmente penso di trovarmi più a mio agio in quella promossa dai Verdi per oggi pomeriggio.

Tuttavia non vorrei che tutto questo discutere sulle manifestazioni di protesta serva a distrarre dai rischi legati all’aggravarsi della situazione mediorientale. Ci vuole una parola chiara sul fatto che un nuovo eventuale ricorso all’uso delle armi contro la Siria o l’Iran sarebbe l’anticamera di una vera e propria catastrofe. Vedo crescere un clima molto simile a quello che nel corso di un anno intero ha preceduto l’intervento militare in Iraq. Non vorrei che l’esito fosse il medesimo.

Sarebbe perciò necessario che le iniziative sul disarmo nucleare coinvolgano non solo i cosiddetti 'stati canaglia' ma tutti i paesi che sono dotati di armi nucleari e che finalmente sul Medioriente si prepari, sotto l’egida dell’Onu, una conferenza internazionale che costruisca una condizione di stabilità e sicurezza per tutti i paesi dell’area, a cominciare dalla definitiva soluzione del conflitto israeliano-palestinese con la costruzione dello Stato di Palestina e di corrispondenti garanzie per Israele".

2.11.2005

   
 
         
Copyright © Piero Di Siena.net 2005 | best view 800x600 | webmaster | Aggiungi il sito ai tuoi Preferiti | contatt@mi | credits
Melfi l'Unità il manifesto liberazione emergency.it critica marxista