Omicidio Lanera: cresce la criminalità nel Vulture-Melfese.

Lo spaventoso omicidio dell’avvocato Francesco Lanera avvenuto ieri a Melfi nella centralissima Piazza Duomo costituisce l’ultimo anello di una ormai lunga, troppo lunga sequenza di assassinii verificatisi in questa area della Basilicata.
La successione di questi episodi criminosi, le modalità di esecuzione degli omicidi e la collocazione sociale delle persone colpite possono far supporre che essi siano concatenati fra di loro con interessi criminali che spaziano dallo spaccio della droga al commercio delle armi, dall’usura allo sfruttamento della prostituzione. Se così fosse ci troveremmo in presenza di un alto livello di penetrazione mafiosa.
Preoccupa poi che di questi omicidi non si sia trovato un solo colpevole e nemmeno forse esiste un solo indiziato.

Si ha la sensazione che occorra un maggior coordinamento anche interregionale delle forze dell’ordine ed una azione investigativa più incisiva per sperare di colpire e di sradicare questo fenomeno prima che diventi una piaga incurabile.

8 maggio 2003

   
 
         
Copyright © Piero Di Siena.net 2005 | best view 800x600 | webmaster | Aggiungi il sito ai tuoi Preferiti | contatt@mi | credits
Melfi l'Unità il manifesto liberazione emergency.it critica marxista