Medaglia d'Argento a Rionero in Vulture per l'eccidio nazi-fascista del 1943.
Valori e limiti di un riconoscimento.

Il riconoscimento della sola medaglia d'argento a Rionero in Vulture da parte della Commissione per le onorificenze per l'eccidio perpetrato nel settembre del 1943 da nazisti e fascisti in ritirata costituisce certamente un tributo alla memoria delle vittime ai loro familiari e all'intera comunità rionerese ma è anche il segno di una sorta di sottovalutazione, a causa dell'influenza culturale oltre che politica della destra che governa il nostro paese, dell'importanza cruciale ai fini della costruzione del senso civico e dell'identità nazionale degli episodi di resistenza al fascismo avvenuti anche in Italia meridionale.

Non sono bastati né gli orientamenti del ministro Pisanu né l'impegno del senatore Flammia all'interno della Commissione a mutare una scelta che è stata fatta con uno spirito sostanzialmente burocratico rispetto a un evento che avrebbe meritato ben altro coinvolgimento e passione.

Probabilmente non hanno aiutato a raggiungere, per ora, l'obiettivo della medaglia d'oro né il fatto che la città di Matera - che con Rionero costituisce il più importante episodio di resistenza al fascismo in Italia meridionale, dopo le quattro giornate di Napoli – è tuttora insignita della sola medaglia di argento, né il fatto che nelle motivazioni adottate siano state lasciate in ombra le responsabilità dei fascisti al seguito delle truppe naziste e degli stessi fascisti locali, come anche l'assalto della popolazione al deposito del grano dei giorni precedenti l'eccidio, che segnala l'esistenza a Rionero di una situazione incipiente di rivolta e di resistenza attiva verso gli occupanti.

Rivolgo all'amministrazione comunale, che conserva il merito di aver avviato questa iniziativa, l'invito a non demordere. A reiterare, con una documentazione più ricca, alla cui ricostruzione se coinvolto per tempo non mancherà il mio contributo, la domanda per la medaglia d'oro, eventualmente insieme e di concerto con la città di Matera.

9 marzo 2003

   
 
         
Copyright © Piero Di Siena.net 2005 | best view 800x600 | webmaster | Aggiungi il sito ai tuoi Preferiti | contatt@mi | credits
Melfi l'Unità il manifesto liberazione emergency.it critica marxista