Lettera aperta al Presidente della Regione Basilicata sull'Aias di Melfi.

Al Presidente
della Regione Basilicata
arch. Filippo Bubbico

Caro Presidente,
abbiamo appreso che l'Aias di Melfi ha licenziato nei giorni scorsi la rappresentante sindacale della Cgil, ricorrendo all'istituto della giusta causa. Tutto lascia intendere, invece, che possiamo trovarci di fronte a un atto di rappresaglia per l'atteggiamento assunto dalla Cgil in tutta la tormentata vicenda relativa ai rapporti tra Regione e Aias. Si potrebbe dire che, purtroppo, a Melfi sta facendo scuola l'attitudine introdotta dalla Fiat di usare l'arma del licenziamento contro quei rappresentanti sindacali giudicati dal datore di lavoro particolarmente riottosi.

Ci rivolgiamo a te perchè, come è noto, l'attività dell'Aias si svolge esclusivamente in base a un rapporto di convenzione con la Regione. Tutti dovrebbero rispettare e applicare lo Statuto dei lavoratori ma riteniamo particolarmente intollerabile che aziende che operano utilizzando denaro pubblico si abbandonino a comportamenti palesemente antisindacali.

Perciò ci permettiamo di chiederti di far sentire all'azienda la voce autorevole della tua persona e dell'istituzione che rappresenti perchè receda da atti contrari a ogni elementare civile concezione
dei rapporti di lavoro.

Con stima
Piero Di Siena
VIto Gruosso

30 ottobre 2003

   
 
         
Copyright © Piero Di Siena.net 2005 | best view 800x600 | webmaster | Aggiungi il sito ai tuoi Preferiti | contatt@mi | credits
Melfi l'Unità il manifesto liberazione emergency.it critica marxista